storia

La RA Fabbrica D’armi sorge per la volontà del Padre REDOLFI ARTURO nato nel lontano Gennaio del 1922.
E’ nel primo dopoguerra attorno agli anni 50 che inizia l’attività di armaiolo presso i famosi laboratori di armi fini LORENZOTTI & FAVERZANI in Brescia.

Con la bicicletta Arturo Redolfi partiva presto ogni mattino percorrendo circa 30 km per raggiungere il posto di lavoro. Fu così che con enormi sforzi egli apprese tutte le conoscenze necessarie per poter creare un fucile a due canne. La passione per il lavoro al banco lo portò a realizzare dai più semplici fucili con batterie sistema Anson & Deeley al più raffinato meccanismo a cani esterni per poi divenire specializzato nella realizzazione di fucili con batterie a cartelle laterali sistema Tipo Holland & Holland.
Gli anni sessanta sono sinonimo di crescita per tutti ed è cosi che Arturo si sente ormai sicuro di poter intraprendere un nuovo corso di vita sfruttando ciò che aveva potuto acquisire nei preziosi anni spesi a Brescia decidendo di usare le capacità professionali per conto proprio.

All’inizio un piccolo laboratorio di pochi metri quadri, pochi utensili e tanto lavoro manuale permettono di realizzare i primi fucili con il marchio RA (Redolfi Arturo) e con il trascorrere del tempo ed il passaparola dei cacciatori e tiratori della zona la produzione veniva assorbita quasi tutta dalla clientela locale. All’inizio degli anni 70 con l’aiuto del figlio Rodolfo e di manodopera locale la produzione si allarga arrivando a costruire anche circa 200 pz all’anno misti tra fucili fini e di medio prezzo.

Durante quest’ultimo decennio la RA tramite alcuni grossisti di Brescia e Gardone Val Trompia realizzò per conto terzi un numero cospicuo di sovrapposti e doppiette destinate anche al mercato estero ma è negli anni ottanta che, a seguito anche della crisi del settore armiero in Italia, la RA decide di cambiare radicalmente la produzione di fucili ad anima liscia in fucili a canna rigata soprattutto specializzandosi nella produzione di express per la caccia al cinghiale.

È infatti in questo periodo che molti cacciatori, visto l’aumento della presenza dell’animale sul territorio Italiano, decidono di dedicarsi a questa tipologia di caccia.

Nel frattempo anche il figlio più giovane Mauro entra a far parte dell’azienda coprendo il ruolo commerciale rilevando la posizione del padre e quindi socio con il fratello maggiore della Redolfi F.lli snc.

Gli anni novanta proseguono con la produzione di armi rigate e fini (50-60 pz all’anno) ma allo stesso tempo viene affiancata la vendita commerciale di altri numerosi prodotti come il munizionamento, l’abbigliamento, le ottiche e tutti gli accessori per la caccia.
Nel 2001 la ditta Redolfi F.lli snc crea un’altro ramo d’azienda (RA Sport Import/Export) che possa servire anche tutte le armerie d’Italia e d’Europa proponendo, oltre che alla produzione di fucili, anche una svariata serie di accessori marchiati RA.
Nel giro di pochi anni la RA si afferma in Italia ed anche in diversi stati d’Europa confinanti, ma la produzione manuale di pochi pezzi non soddisfa la crescente domanda di fucili sovrapposti da caccia.

E’ cosi che nel 2010 le due aziende dei Redolfi decidono di cambiare marcia ed investire in un progetto che, con l’aiuto di macchinari CNC, possa soddisfare le richieste del mercato Italiano ed estero. Da subito un modello in lega poi affiancato, nella produzione di serie, da uno in acciaio per il mercato estero; successivamente vengono inseriti nella gamma due modelli per il tiro sportivo, il Trap e lo Sporting, in seguito la linea EOS viene completata con una serie di Slug per la caccia al cinghiale.

Ora la gamma è completa anche di doppiette totalmente realizzate a mano; con le doppiette SELENE la RA è ora in grado di soddisfare anche le richieste del mercato estero.